Il Comune

 

I numeri di Riccione

Foto Municipio

Informazioni generali

Paese: Italia
Regione: Emilia Romagna
Provincia: Rimini (RN)
Superficie totale: 17,12 km²
Altitudine: 12 m s.l.m.

 
 
Popolazione (fonte: Servizi Demografici)
al 1° gennaio 2016
35.487
al 31-12-2014
35.649
al 31-12-2013
35.620
al 31-12-2012
35.622
al 31-12-2011
35.855
al 31-12-2010
35.813
al 31-12-2009
35.543
 
 
 

Nascita del Comune di Riccione - Cenni storici

Il 19 ottobre 1922, con Regio Decreto n° 1439, viene sancita la nascita del Comune di Riccione. 

 

Un anno prima le legittime aspirazioni autonomistiche di Riccione erano state finalmente riconosciute dopo una lunga battaglia durata oltre due decenni.

 

Silvio Lombardini fu il primo sindaco a guidare la città. Egli ha gestito la cosa pubblica dal 1923 al 1928, prima come sindaco poi, dopo la riforma amministrativa fascista, come podestà. La nascita del Comune autonomo siglò il punto di arrivo di un processo economico e sociale, veicolato dalla nascita e dallo sviluppo dell’industria turistica, che aveva preso avvio nella seconda metà dell’800 con l’arrivo dei primi ricchi vacanzieri e dei bambini poveri bisognosi di cure di mare.

 

L’autonomia comunale fu anche il punto di partenza per il raggiungimento di nuovi grandi traguardi in campo sociale ed economico. Tra gli anni ’20 e ’30 la borgata cambiò volto, furono costruite strade, ponti e scuole, effettuati interventi di decoro e abbellimento, costruiti alcuni dei simboli più rappresentativi dell’identità della “nuova città” come il Grand Hotel (1929) e il Palazzo del Turismo (1938).

 

A partire dal 1926 la scelta di Riccione come luogo di vacanze da parte della famiglia Mussolini contribuì a conferire prestigio alla città come centro balneare. La seconda guerra mondiale segnerà un arresto funestando il territorio con gravi lutti e distruzioni. Terminato il conflitto e lasciata alle spalle una lenta e faticosa ricostruzione, Riccione si confermerà capitale delle vacanze scrivendo un importante capitolo della storia del turismo di massa del ‘900.

 

Nelle prime elezioni democratiche del 7 aprile 1946 fu nominato sindaco Giovanni Quondamatteo, faranno seguito: Augusto Saponi (f.f.), Giulia Galli, Nicola Casali, Tommaso Enio Della Rosa, Dante Tosi, Giovanni Petrucciani, Biagio Cenni, Terzo Pierani, Massimo Masini, Daniele Imola, Massimo Pironi e Renata Tosi.

 

A seguito del Decreto Prefettizio Prot. n.8243/AREA II del 24/02/2017, con cui è stata disposta la sospensione del Consiglio Comunale di Riccione per dimissioni collettive e la contestuale nomina del Commissario Prefettizio, in data sabato 25 febbraio 2017 si è insediato il Commissario Prefettizio, dott.ssa Immacolata Delle Curti, Dirigente dell’Area II – Raccordo  Enti Locali e Consultazioni Elettorali della Prefettura di Rimini – U.T.G., per la provvisoria amministrazione dell’Ente, con i poteri spettanti al Sindaco, alla Giunta ed al Consiglio comunale.

 

 
Logo Riccione "anticato"

Il dettaglio delle Giunte Comunali di Riccione dal 1946 al 2001

Fonte: "I politici locali. Consiglieri, assessori e sindaci del Riminese 1946-2001" a cura di Paolo Zaghini e Gianluca Calbucci - Capitani Editore


L'evoluzione di Riccione è stata costante e progressiva; già nel 1955 si contano 15.000 abitanti. Saranno 28.770 nel 1981, 34.248 nel 2001, 35.487 al 1 gennaio 2016.

 
 
 
 

Data creazione pagina: 27 Ottobre 2006
Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio 2017
 
 

Indirizzo: viale Vittorio Emanuele II, 2 - 47838 Riccione (RN)  

tel. 0541 608111  fax 0541 601962   

Codice Fiscale - Partita IVA:  00324360403

 

 

Posta Elettronica Certificata:      comune.riccione@legalmail.it     

Ufficio Relazioni con il Pubblico: urp@comune.riccione.rn.it