Tafuzzy Days. Venerdì 23 e sabato 24 agosto torna al Castello degli Agolanti il festival di musica indie made in Riccione

 

Riccione, 22 August 2019

 

Come ogni anno alla fine di agosto si insedia al Castello degli Agolanti la musica indie e indipendente dei Tafuzzy Days, il festival nato e cresciuto a Riccione che ha lanciato, tra gli altri, i fenomeni musicali del momento, come Calcutta, Lo Stato Sociale, Cosmo e Myss Keta.

Giunto alla diciassettesima edizione il Tafuzzy è nato sul colle di Riccione su iniziativa di alcune band per promuovere e far conoscere la propria musica: nel tempo è diventato fucina di idee e vivaio di artisti, che dal palco in collina ora riempiono grandi venue e palazzetti.

Quest'anno, oltre ai numerosi emergenti, avremo la serata del venerdì caratterizzata dalle chitarre, con il garage pazzo e divertente degli Yonic South da Brescia, la furia rock'n roll del duo bolognese The Jackson Pollock e il sound minimal e spaziale dei Cacao che con la loro cover della Lambada sono ormai un piccolo cult a livello nazionale.

La serata di sabato vedrà una maggiore varietà di suoni con il rap romantico di Irbis 37 e del romano Maggio, per proseguire con l'indie rock di Jesse the Faccio e i talenti locali dei Ponzio Pilates che, reduci dal Glastonbury Festival di Londra, portano la loro frizzante power samba a Riccione. Il gran finale è affidato all'affascinante cantante discoEmmanuelle. Forte di alcuni singoli usciti negli ultimi anni per Peewee, l'etichetta dei famosi dj belga 2manydjs, ha spopolato lo scorso anno con il suo brano Italove scelto per la colonna sonora del film Dogman di Matteo Garrone. Nata a Rio, cresciuta a Miami e ora di stanza a Milano, ha fatto ormai sua la nostra lingua.

In occasione dei Tafuzzy Days al Castello esporranno i collettivi Destroy Brandina e Slaack oltre alla fanzine di attualità illustrata Tatanka Journal.  Ristoro con prodotti a km 0 a partire dalle ore 20. L’ingresso è a offerta libera.

 
 
 
 
 

Area tematica:


Data creazione pagina:
Ultimo aggiornamento: