Cultura

A Riccione la prima personale in Italia di Claude Nori

con un omaggio speciale a Luigi Ghirri 

In mostra 70 fotografie dedicate all’estate italiana anni ‘80 

Torna in Riviera, a Riccione, uno degli artisti che meglio hanno raccontato il fascino dolce, romantico e popolare delle spiagge italiane, facendolo conoscere al mondo intero. Dal 30 giugno al 1° settembre, Riccione ospita la prima mostra personale in Italia di Claude Nori, fotografo francese di fama internazionale che alla costa adriatica ha dedicato alcune delle sue foto più celebri.  Un’estate con te , questo è il titolo della mostra, aperta tutte le sere a ingresso libero presso Villa Mussolini, a due passi dal mare (viale Milano 31, ore 21-24). Evento di inaugurazione, domenica 30 giugno ore 21, con la partecipazione dell’autore.

 

Ha inaugurato ieri sera a Villa Franceschi Photosynthesis experience, un progetto site specific unione tra arte e il rigoglioso mondo della natura, che vivrà per tutta l’estate in uno spazio unico e prezioso, un’esperienza in continua trasformazione. E' infatti Villa Franceschi, esempio di art noveau, il luogo pregiato che ospita l’innovativo e originale vivaio artistico che mette in relazione l'arte visiva con l'universo botanico: piante, fiori, foto, illustrazioni, musica a due passi dal mare, per nuotare sulla terraferma alla ricerca di un sogno. La Villa, unica galleria di arte moderna e contemporanea presente nella nostra provincia, ospita una collezione permanente di importanti opere del Novecento italiano che, grazie a Photosynthesis Experience, dialogano in maniera inedita con le fotografie di Enrico De Luigi, uno dei fotografi più importanti del cinema italiano, e Filippo Zaghini, giovane fotografo e artista. 

 

Photosynthesis experience 21 giugno – 8 settembre Galleria d’arte moderna e contemporanea Villa Franceschi Riccione

 

Un innovativo e originale vivaio artistico che mette in relazione l'arte visiva con l'universo botanico: piante, fiori, foto, illustrazioni, musica a due passi dal mare, per nuotare sulla terraferma alla ricerca di un sogno.La mostra sarà aperta fino al 8 settembre tutti i giorni dalle 18 alle 24. Ingresso libero

 

 

NUMERI MERAVIGLIOSI PER LO “SPAZIO TONDELLI” 

DI RICCIONE

sempre più punto di riferimento per il teatro in Romagna.

IL RACCONTO DI UNA “BELLA STAGIONE” DA RECORD tra spettacoli, concerti e sperimentazioni .  

Lo Spazio Tondelli di Riccione si conferma un punto di riferimento stabile nel panorama culturale romagnolo, con gli appuntamenti della Bella stagione, il cartellone teatrale proposto allo Spazio Tondelli dall’associazione Riccione Teatro e dal suo direttore Simone Bruscia, e La bellina, stagione teatrale per famiglie. Il teatro è aperto sempre più spesso anche per concerti e affitti ad associazioni e a scuole del territorio. 

Inaugurata da Michele Placido il 28 ottobre 2018 e conclusasi il 20 aprile 2019 con Silvio Orlando, l’ultima edizione della Bella stagione ha superato persino i numeri dell’anno precedente: 10 spettacoli in abbonamento tutti sold out settimane prima dell’evento, e 9 appuntamenti tra concerti, reading e sperimentazioni come Segnale d’allarme. La mia battaglia VR, video dello spettacolo di Elio Germano La mia battaglia realizzato con telecamere a 360 gradi. Un totale di 4.550 spettatori, oltre mille in più dell’anno precedente, e una campagna di abbonamenti da record, con circa 220 tessere vendute.

 

 

Premio Riccione 2019: 

il presidente di giuria è Fausto Paravidino. 

Il più longevo concorso italiano di drammaturgia annuncia i giurati della 55a edizione. Resta presidente di giuria Fausto Paravidino; con lui Graziano Graziani, Claudio Longhi, Renata Molinari e Isabella Ragonese. Le iscrizioni al concorso sono aperte fino al 17 giugno.  

Sarà Fausto Paravidino il presidente di giuria del Premio Riccione per il Teatro, il più longevo concorso italiano di drammaturgia, nato nel 1947 e giunto alla 55a edizione. Ad affiancarlo in giuria saranno Graziano GrazianiClaudio LonghiRenata M. Molinari (confermati rispetto alle edizioni precedenti) e Isabella Ragonese, un gradito ritorno a Riccione dopo alcuni anni di assenza. 

Spetterà a loro scegliere i finalisti e i vincitori del concorso, cui è possibile iscriversi fino a lunedì 17 giugno (info e modulo: www.riccionetatro.it). Attribuito con cadenza biennale all’autore di un’opera teatrale inedita in lingua italiana o in dialetto, il Premio Riccione per il Teatro assegna 5000 euro al vincitore assoluto e 3000 euro al miglior testo di un autore nato dal 1989 in avanti (13° Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”), oltre a un riconoscimento da 1000 euro all’opera che meglio coniuga scrittura teatrale e ricerca letteraria (menzione speciale “Franco Quadri). Tutti i finalisti concorreranno poi all’assegnazione di due premi di produzione: in palio 15.000 euro per i finalisti della categoria principale, e 10.000 euro per i finalisti della categoria under 30. 

Autore, attore e regista, Fausto Paravidino si è fatto conoscere, giovanissimo, proprio a Riccione, vincendo il Tondelli nel 1999 con Due fratelli. Dopo Goldoni, D’Annunzio, Pirandello, Eduardo, Pasolini, Dario Fo e Spiro Scimone, è stato l’ottavo autore italiano rappresentato alla Comédie Française; i suoi testi teatrali sono stati messi in scena in numerosi Paesi del mondo. Graziano Graziani, critico teatrale e scrittore (Atlante delle micronazioniCatalogo delle religioni nuovissime), è una delle voci dello storico programma di Radio 3 Fahreneit e l’autore del documentario coprodotto da Riccione Teatro Pina Bausch a RomaClaudio Longhi, regista teatrale, Premio Ubu 2013 per il progetto Il Ratto d’Europa, dirige dal 2017 Emilia Romagna Teatro Fondazione ed è inoltre docente all'Università di Bologna. Renata M. Molinari, scrittrice e dramaturg, ha firmato la drammaturgia di spettacoli di Thierry Salmon, Federico Tiezzi, Giorgio Barberio Corsetti, Marco Baliani; a lungo docente alla la Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano, è stata una delle colonne della Ubulibri di Franco Quadri e ha fondato la Bottega dello Sguardo, aprendo al pubblico la Biblioteca Teatrale Molinari; proprio alla Bottega dello Sguardo, già sede di importanti iniziative dedicate al Premio, si terrà una delle tappe di selezione dei finalisti. Isabella Ragonese è una delle attrici più apprezzate del panorama italiano; ai successi cinematografici (due premi ai Nastri d’argento, un Globo d’oro, due candidature al David) ha affiancato un’intensa attività teatrale sia in veste di attrice (in spettacoli firmati tra gli altri da Davide Enia, Stefano Massini, Sergio Rubini e Sonia Bergamasco) sia come regista.

 

DIG FESTIVAL

I vincitori della quinta edizione

Di fronte a una platea di oltre 300 persone, 

a conclusione della terza giornata

del festival di giornalismo investigativo, sono stati consegnati sei 

DIG Awards dalla giuria

presieduta da Naomi Klein                                                             

 

[Riccione, 2 giugno 2019] La terza giornata del DIG Festival di Riccione si è chiusa con la proclamazione dei vincitori di questaquinta edizione della kermesse che si conclude oggi, domenica 2 giugno, e che ha contato oltre 50 iniziative, tra concerti, talk e proiezioni pubbliche, attirando oltre 8mila persone.

Sul palco di fronte al Palazzo del Turismo, nel centralissimo piazzale Ceccarini, cuore della manifestazione, Valerio Bassan, co-founder di DIG, insieme a Vanessa Villa, volto televisivo italiano, hanno assegnato sei DIG Awards distribuiti per altrettante categorie in concorso in questa rassegna internazionale dedicata al video giornalismo investigativo.

Ad assegnare i diversi premi, è stata una giuria composta da 14 tra giornalisti, scrittori e professionisti della comunicazione, di otto Paesi. Presidente dell’edizione 2019 è stata Naomi Klein, scrittrice e giornalista canadese conosciuta in tutto il mondo.

 

L’ultima giornata dell’edizione 2019 di DIG Festival si apre alle 9.30 al Palazzo del Turismo con il seminario GIORNALISTI IN PRIMA LINEA. IL CASO AFGHANISTAN, con Nico Piro (Rai).

Alle 10 è in programma la terza e ultima replica dell’evento speciale  LA MIA BATTAGLIA IN VR. con Elio Germano, proiezione in realtà virtuale tramite visori dello spettacolo teatrale di uno dei più apprezzati attori italiani (ingresso libero, prenotazione obbligatoria).

Alle 11 si prosegue con la presentazione del libro INTELLIGENCE ECONOMICA E GUERRA DELL’INFORMAZIONE, con Laris Gaiser, docente universitario ed esperto di relazioni internazionali, e Lorenzo Bagnoli (IRPI).

Il seminario delle 11.30 ha per titolo CONDOM USB. COME PROTEGGERE IL GIORNALISMO DALLE MALATTIE DIGITALMENTE TRASMISSIBILI e per protagonisti Raffaele AngiusFabio PietrosantiHermes Center.

La mattinata chiude alle 12 con  SE POTESSI TORNARE. DONNE IN FUGA DAL CRIMINE, presentato da Cecila Anesi e Manolo Luppichini (ingresso gratuito fino a esaurimento posti).

 

Taglio del nastro venerdì sera al DIG Festival per la mostra “Italian Personal Matters. 1969: racconto fotografico non convenzionale di un anno di storia italiana” una galleria fotografica - imperniata sull'archivio dell'ANSA - per raccontare il 1969 attraverso un percorso di immagini inusuali in cui, a cinquant'anni da quella data cruciale, la narrazione dei grandi eventi passa per immagini marginali, volti e corpi di persone comuni: una donna riabbraccia il marito dopo la bomba di piazza Fontana; una famiglia si stringe sul divano la sera dell'allunaggio; un ragazzo sorride alla guida dell'ultimo modello Fiat, una 128 nuova di zecca. 

 

E’ in arrivo un altro week-end ricco di appuntamenti a Riccione, tra enogastronomia, mercatini, mostre e eventi dedicati ai più piccoli.

LA BICI TATTILE - DUE RUOTE PER APPRENDERE

Fino a sabato 15 giugno la biblioteca comunale ospita la mostra  La bici tattile. Due ruote per apprendere.  Nell’anno dedicato allo sport e al Giro d’Italia anche la biblioteca ha voluto interpretare per questa occasione il tema delle due ruote e lo ha fatto con la mostra a cura di Fernanda Pessolano e della Biblioteca della Bicicletta Lucos Cozza, con il suo corollario di laboratori tattili e creativi. La mostra, ideata e realizzata da Fernanda Pessolano con testi di Marco Pastonesi, è composta da 10 illustrazioni tattili dedicati ai 10 perché della bicicletta e da 15 postazioni da tavolo per il percorso con i ragazzi, una palestra tattile e giochi. La mostra La bici tattile si potrà visitare fino a sabato 15 giugno negli orari di apertura della biblioteca (lunedì ore 14-19; dal martedì al sabato ore 9-19 orario continuato).

MOSTRA IL CICLISMO IN ROMAGNA SECONDO CASADEI

A Villa Mussolini fino al 16 giugno si può visitare  Il ciclismo in Romagna secondo Casadei , un progetto speciale in occasione della nona tappa del Giro d'Italia. Immagini, visioni e memorabilia dall’archivio fotografico di Secondo Casadei, storico fotoreporter delle bici. Orario: dalle 15 alle 20, ingresso libero.

 

   2   

Data creazione pagina:
Ultimo aggiornamento: