Cultura

Nell'ambito dei festeggiamenti per il 97° compleanno di Riccione, sabato pomeriggio è stata intitolata a Silvio Lombardini, primo sindaco della città, la sala conferenze della biblioteca comunale. Alla cerimonia, cui ha partecipato la famiglia, è seguita la presentazione del libro dello storico e ricercatore Manlio Masini dal titolo Silvio Lombardini, un uomo perbene tra Santarcangelo, Forlì e Riccione.

 

Storia di una città tra memoria e futuro

19 ottobre - 26 ottobre 2019 

 

Sono partite oggi pomeriggio le celebrazioni per il 97esimo Compelanno di Riccione. Grande festa di inaugurazione della scuola di Riccione Paese che, riaperta quest’anno dopo un’accurata ristrutturazione, si è rivelata l’elemento scenico di un pomeriggio all’insegna della musica e del divertimento. A partire dalle 15.30 sono iniziate  le letture animate con le lettrici volontarie della biblioteca comunale,  insieme a loro musica di Filippo Dionigi e Mirò Saxophone Quartet e le dolcezze preparate dagli allievi dell’Istituto Alberghiero Savioli. Si è ripercorso un viaggio nel tempo attraverso le immagini di  Riccionesi in grembiule. Scatti d’epoca dai primi del Novecento agli anni Sessanta  (dall’archivio immagine della biblioteca comunale), volti e luoghi di una realtà in cui affonda le radici la storia della città. 

 

Cerimonia di intitolazione della Sala Conferenze del Centro della Pesa a

Silvio Lombardini (1866-1935) Primo Sindaco di Riccione.

 

Sabato 19 ottobre 2019 alle ore 17,30,  nel quadro del 97° Anniversario della Costituzione di Riccione quale Comune autonomo (Regio Decreto del 19 ottobre 1922 n. 1439), avrà luogo l’intitolazione della Sala Conferenze del Centro della Pesa (Biblioteca comunale e Museo del Territorio) al Primo Sindaco di Riccione: Silvio Lombardini (1866-1935).

 

 

Numeri, curiosità, indotto e ricaduta in città

delle riprese di un film che racconterà Riccione nel mondo 

Sono terminate martedì 15 ottobre le riprese di Sotto il sole di Riccione, il film coprodotto da Lucky Red e Netflix con la regia di YouNuts! (Antonio Usbergo e Nicolò Celaia) e la sceneggiatura e la produzione esecutiva di Enrico Vanzina.

Il film, che si potrà vedere nella primavera del 2020 su Netflix e successivamente in chiaro sulle reti Mediaset, è stato girato interamente a Riccione e racconta la storia di un gruppo di giovani in vacanza qui, tra amicizia e sentimenti.

“Si tratta di un’occasione straordinaria per Riccione – dichiara l’assessore al turismo Stefano Caldari. Sappiamo tutti cosa significa in termini di immagine e di attrattiva essere la location di un film importante, un ritorno mediatico incalcolabile e, come in questo caso, una promozione eccezionale in Italia e nel mondo. Inoltre, aver ospitato per un mese intero le riprese, ha significato per il territorio un plus significativo, non solo di comunicazione ma anche economico”.

4 settimane di riprese, 25 location coinvolte (tra hotel, stabilimenti balneari, locali, ristoranti, viali e piazze, parchi tematici), 800 comparse impiegate, 2.500 pasti: questi sono i numeri di un mese intero in cui tutta la città è stata coinvolta e protagonista del set.

Le case history provano che il cinema è uno dei miglior veicoli di promozione del territorio, capace di generare tramite l’indotto, una sua crescita complessiva.

 

Storia di una città tra memoria e futuro.

19 ottobre - 26 ottobre 2019 

Un’intera settimana di appuntamenti per festeggiare il 97° compleanno della città di Riccione.

Sono passati infatti 97 anni da quel 19 ottobre 1922 in cui Riccione, con Regio Decreto, è diventata Comune autonomo e l’amministrazione comunale ha deciso di dedicare a questa ricorrenza un’intera settimana di appuntamenti che celebrano i riccionesi, tra passato, presente e futuro.

“Abbiamo deciso di ricordare una data così importante attraverso momenti di comunità - commenta il sindaco Renata Tosi -  che raccontano da dove veniamo e dove stiamo andando, attraverso simboli significativi come l’inaugurazione di una scuola e la celebrazione di personaggi che hanno segnato la nostra storia. Appartengono a questa storia uomini illuminati, che seppero incidere profondamente non solo sul loro tempo ma anche sul futuro contribuendo allo sviluppo morale e civile della nostra città”.

Silvio Lombardini (1866-1935), primo sindaco di Riccione a partire dal 1923, grande promotore dello sviluppo turistico della città, che si avviava a diventare la “Perla verde dell’Adriatico; don Giovanni Montali (1881-1959), parroco di San Lorenzo dal 1912 al 1959, che seppe coniugare l’attività pastorale con un intenso impegno in campo sociale ed educativo; Camillo Manfroni (1863 - 1935), senatore e professore, cui il Comune di Riccione nel 1930 conferì la cittadinanza onoraria per la sua instancabile opera culturale ed educativa; Igino Righetti (1904-1939) a cui Riccione dette i natali, che divenne presidente nazionale della FUCI a Roma nel 1925 e, insieme a Giovan Battista Montini - futuro papa Paolo VI -, fu punto di riferimento per i giovani cattolici impegnati in campo politico, sociale e culturale.

 

La cerimonia di premiazione è in programma domenica 3 novembre 2019 al culmine di una tre giorni a Riccione dedicata alla drammaturgia internazionale e alle arti performative...

 

Sono impegnate nel corso di audiovisivo multimediale le due classi quinte del Liceo Volta-Fellini che questa mattina hanno fatto visita al set del film che si sta girando a Riccione per la regia di Younuts...

 

Un romanzo autobiografico commovente che ricostruisce il rapporto unico ma anche universale tra due fratelli, dalla nascita fino alla fine...

 


Data creazione pagina:
Ultimo aggiornamento: