Autorizzazione aperture straordinarie alberghi

 

Descrizione

E' la procedura con la quale gli alberghi stagionali che intendono effettuare aperture straordinarie dell'attività in periodi non estivi o che si trasformano in annuali, attestano la regolarità dell’impianto termico di riscaldamento,  trasmettendo la documentazione tecnica nonché l’omologazione dell'impianto stesso ai sensi del DM 1-12-1975 “Norme di sicurezza per apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione”. La regolarità dell'impianto è accertata con parere da parte dell'AUSL.

 

Documentazione da presentare

Presentare a mezzo PEC, con firme digitali, la seguente documentazione di regolarità dell'impianto di riscaldamento:

1) Relazione di un termotecnico abilitato, con descrizione dell’impianto termico, kw, temperatura che l’impianto è in grado di garantire nei locali interni a fronte di una temperatura esterna di -5°C (tale temperatura deve essere di minimo 20°C e deve essere garantita in tutti gli ambienti), indicazione di presenza dell'impianto in tutti i locali: camere, bagni delle camere, corridoi, disimpegni, spazi comuni (hall, bagni comuni, sala da pranzo), cucina, lavanderia, spogliatoi e bagni per il personale ecc..;

2) Verbale di omologazione rilasciato dall’Inail ex Ispesl, per impianto termico di potenzialità sup. a 35 Kw (che utilizzi acqua come fluido convettore);

3) CPI relativo alla caldaia rilasciato dal Comando Provinciale VVF, per impianto termico di potenzialità massima superiore a 116 Kw;

4) Verbale di verifica periodica rilasciato dall’Ausl di Rimini (settore impiantistico Antinfortunistico) nel caso siano trascorsi 5 anni dalla data di omologazione.

 

N.B. In assenza della documentazione di cui al punto 2) Verbale di OMOLOGAZIONE dell'impianto termico - in quanto non ancora rilasciata dall'Ente preposto Inail, potrà essere autorizzata l'apertura provvisoria in attesa di omologazione, allegando inoltre:

5) Asseverazione del termotecnico ai sensi DM 1-12-75 (vedi modello in calce)

6) copia denuncia impianto termico e ricevuta di spedizione all'entre preposto Inail/Ispels. 

 

Costi e validità

L'istanza è soggetta al pagamento dei diritti d'istruttoria secondo il vigente Tariffario comunale e all'imposta di n° 2 marche da bollo per l'istanza e per l'autorizzazione.

L’autorizzazione ha validità secondo quanto indicato nell'autorizzazine medesima.

 

 

Tempi di evasione

30 giorni dal parere favorevole dell'AUSL.

 

Normativa

L.R. 16/2004 Successive Delibere G.r. 916/07 e 1017/09 - D.M. 1-12-1975.

 

Modulistica

A chi rivolgersi

 

Data creazione pagina:
Ultimo aggiornamento: