Semplificazione, velocità e continuità le parole d'ordine di Riccione Winter presentato oggi alle categorie economiche

 

RICCIONE 9 ottobre 2020 - Semplificazione, velocità e continuità, le parole d'ordine del progetto Riccione Winter illustrato dall'assessore alle Attività Economiche, Elena Raffaelli, dall'assessore al Demanio, Andrea Dionigi Palazzi, e dai dirigenti e tecnici responsabili dei settori coinvolti, ad una ricca platea di operatori economici e turistici della Perla Verde. Tutti presenti i rappresentati delle associazioni, Confcommercio, Cna e Confartigianato, Federalberghi, Coop Bagnini e Confesercenti e alcuni operatori nella sala consiglio comunale. "Dopo Riccione Square, Riccione Winter è un'opportunità per i pubblici esercizi di ampliare l'offerta con soluzioni logistiche che permettano il distanziamento, ottenendo allo stesso tempo esenzioni e sconti - ha detto l'onorevole e assessore Raffaelli -. Possibilità che solo in parte derivano dalle disposizioni nazionali, quindi con le deroghe concesse ad esempio fino a fine anno, ma in buona sostanza, frutto dalla scelta fatta dall'amministrazione comunale di recepirle, adattarle al nostro territorio e semplificarle in maniera tale che gli operatori possano aderirvi con un solo modulo". Semplificazione dunque nella procedura di adesione ad edilizia libera. Questa mattina ai rappresentati delle categorie sono stati spiegati nei dettagli i moduli per l'adesione a Riccione Winter sia per la parte sul territorio che quella sul demanio. (Tutti i moduli sono scaricabili dal sito istituzionale del comune https://www.comune.riccione.rn.it dove resterà in homepage fino ad aprile 2021). Procedure quindi semplici che trascorsi 5 giorni senza un diniego da parte del Comune si ritengono approvate. Velocità nei tempi e nelle modalità, ma anche nelle attrezzature che devono essere amovibili e flessibili, coperte e con frangivento ma senza fondamenta. Inoltre il progetto è disponibile e le attività vi possono aderire, volendo, già da oggi - come largamente esposto questa mattina - in largo anticipo rispetto all'avvio della stagione delle festività, permettendo alle attività la giusta programmazione. 

"Per quanto riguarda la parte sul demanio - ha spiegato l'assessore Palazzi - abbiamo diviso le categorie in a) e b) dove la prima è per i chioschi in spiaggia che chiedono l'ampliamento, e b) per la spiaggia o mare d'inverno. I 120 giorni partono dal primo gennaio perché fino a fine anno abbiamo la deroga, il periodo dei 120 giorni può anche non essere continuativo, lo si può dividere, l'importante che vi sia uno stacco di 30 giorni tra un periodo e l'altro".

Continuità significa che Riccione Winter è stato pensato come strumento idoneo a congiungere idealmente il periodo invernale alla prossima estate. In buona sostanza, Riccione Square estate 2020 ha dato ottimi risultati, Riccione Winter senza produrre i tipici stacchi autunnali, prolunga la possibilità di lavorare almeno fino alla prossima primavera con l'augurio che il 2021, possa favorire il ritorno di Riccione Square Summer. 

"Voi sapete - ha detto il sindaco Tosi rispondendo ad alcune domande sulla Cosap gratuita già garantita con Riccione Square - che non tutta la gratuità ci è stata coperta da ristori arrivati dallo Stato". Unanimi i commenti positivi all'iniziativa, tra le categorie che in questi giorni stanno ricevendo dallo IAT un questionario sull'intenzione di attività, aperta o chiusa, per le festività invernali. "Una città che si presenta accesa, che si presenta aperta e che invoglia - ha concluso il sindaco - è una città che unita lavora bene e per il bene di tutti". 

 
 
 
 

Area tematica:


Data creazione pagina:
Ultimo aggiornamento: